LAGO DI GARDA

Dintorni

O’ Benaco che gonfi le tue onde e fremi come il mare…

Il Lago di Garda, anticamente Bènaco, autentico fregio naturale a cavallo fra tre regioni, è uno dei fiori all’occhiello del territorio italiano e vanta l’incisione di un classico e fedele turismo internazionale capace di esaltarne la peculiare bivalenza. Mentre a Sud, infatti, omaggia il “mare nostrum”, regalando all’avventore un angolo meraviglioso di Mediterraneo ravvolto fra il pianeggiare dei dolci declivi della Riviera degli Olivi, sorprendentemente poco più in su, verso settentrione, ove torreggiano le alte vette del Massiccio del Monte Baldo, si restringe assumendo l’affusolato connotato di un fiordo, anche a strapiombo. Inebriate dai caldi toni del blu e del verde, le borgate che sorgono lungo la sponda orientale del grande specchio d’acqua dolce risaltano avvolti in un atmosfera sognante.

Peschiera, tracciata del passeggiare della storia sin dall’età del bronzo, con la sua Fortezza, la Piazza d’Armi, il Carcere Militare, e traboccante di innumerevoli attività sull’acqua, come la Vela, lo Sci d’Acqua, Canottaggio, Windsurf, principio e capolinea del cicloturismo legato a doppio filo ai dintorni. Sirmione, magica roccaforte incuneata fra il quieto diradare delle acque, con le sue chiese, il suo Castello Scaligero, le Grotte di Catullo e un centro storico condensato di attività. “Lasitium”, Lazise, luogo lacustre che primeggia fra i Comuni Liberi del Garda nel pieno del Medioevo, destandosi meta privilegiata per chi apprezza parchi termali, splendide spiagge, il Parco Zoologico Natura Viva e una sintesi impeccabile fra le più moderne esigenze d’intrattenimento e una Storia che affonda le sue radici quando la dicitura d.C. andava ancora di moda. Bardolino, dal Gaelico “Cantore”, popolare, universale, per i prodotti D.O.C. e D.O.C.G. delle sue vigne, tempestato di chiese e chiesette, quali San Zeno e San Severo, e dalle Ville Bottagisio, Guerrieri, Bassani-Raimondi e Marzan. E, in ultimo, Malcesine, con la Pieve di Santo Stefano, sorta sulle vestigi diroccate di un tempio pagano alla Dea Iside, il Palazzo dei Capitani e l’ennesimo Castello Scaligero frutto degli intenti di difesa e fortificazione voluti dai Signori di Verona.

A due passi da Valeggio, questo retroterra lagunare colora ogni stagione d’occasione e prestigio.

Come arrivare al Lago:

  • In Corriera A.P.A.M.Linea 46 – Dalla Fermata in Via Circonvallazione Sud, davanti al Ristorante Lanterna – Un Bus ogni ora (dalle 7.30 alle 18.30) – Costo del Biglietto: 2 Euro – Percorrenza: 20 Minuti ca.
Foto di Franco Lanfredi

Related Place

 

Vedi altro